sabato 26 novembre 2011

Eolico..... Fine.


Credo che sia giusto che i Montegiordanesi sappiano a causa di chi saranno costretti a vedere le pale eoliche sulle colline intorno al nostro paesello, e anche dentro il nostro paesello, senza per altro ottenere nemmeno un euro dalle aziende costruttrici, come invece faranno i nostri paesi vicini.

Vi allego sopra la mozione sovietica che vuole porre un definitivo niet ad un progetto che per un piccolissimo paesello potrebbe fare la differenza. La mozione è stata approvata, quindi non si parlerà più di eolico a Montegiordano. Di seguito i nomi dei consiglieri e il loro voto. Vi ricordo che votando a favore della mozione allegata sopra ci si esprimeva contro la costruzione di una centrale eolica.

Francesco La Manna - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Rocco Basile - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Mario Vuodi - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Carmelo Panno - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Caterina Pistocchi - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Rosa Ruscelli - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Antonio Mundo - Ha votato CONTRO la costruzione di una centrale eolica.
Carmela Maradei - Si è astenuta.
Carlo Salvo - Favorevole alla costruzione di una centrale eolica.
Rocco Introcaso - Favorevole alla costruzione di una centrale eolica.
Pino Migneco - Favorevole alla costruzione di una centrale eolica.
Domenico Acciardi - Favorevole alla costruzione di una centrale eolica.
Rocco La Volpe - Favorevole alla costruzione di una centrale eolica.


Facile a dirsi ecologisti..... vicini all'ambiente e alle problematiche energetiche che spesso impongo di fare delle scelte difficili. Scelte che a parole siamo tutti disposti a fare. Poi però subentra la politica. 
Una maggioranza in bilico costringe un amministratore di un piccolo paesello a prendere delle decisioni incoerenti con quello che va predicando da anni, oppure una seggiola da assessore fa cambiare idea a chi si vede già comodamente seduto. E allora è inutile sparigliare le carte.... meglio che tutto segui liscio, senza incidenti. Le ragioni della politica sono più forti di quelle che impongo coerenza. 
Come vado ripetendo ormai da anni, dire no è di una semplicità mostruosa, non comporta nessun impegno, nessuna visione, nessuna presa di posizione. Il no invece è semplice, negare è definitivo, non esige la necessità di progettare a lungo periodo, è una scelta più semplice. Troncante. Non serve coraggio a dire il tipo di No espresso in consiglio sulla centrale eolica.

A parte gli scenari da bassa politica Montegiordanese (credo che sia più interessante una partita di risiko che discutere di Politica Montegiordanese) volevo un po soffermarmi sul contenuto della mozione comunista. 

I bolscevichi dicono no all'eolico perché il capitale sociale dell'azienda è irrisorio...... ma non mi risulta che il comune sia in affari con la Wind Power!!!!!  A che diavolo ti serve un capitale versato di un certo tipo??? Il capitale versato è garanzia quando ti impegni in prima persona in un progetto del genere.... ma qui stiamo parlando di costo zero per Montegiordano. Lo scenario peggiore, in caso di fallimento della Wind Power, sarebbe quello di non riceve più nessun finanziamento dalla stessa. Insomma, si parte da niente e si arriverebbe a niente. Dicendo no a prescindere ci poniamo direttamente nel caso peggiore.  Passiamo avanti....

I bolscevichi dicono no all'eolico perchè ci sarebbero indagini della magistratura su questo tipo di affare.... e qui se fossi un dirigente della Windpower un po mi sarei incarognito.... ci sono indagini su questa azienda che io non conosco???  Se si quali??? 
Il concetto espresso da Panno nella mozione fa rabbrividire perché nega gli sforzi che da anni coraggiosi uomini di stato e privati cittadini fanno contro le mafie. Se si sceglie in piena autonomia e democrazia di impegnare una comunità in una certa opera, sia essa il faraonico ponte o un paio di pale su una collina calabrese, questa opera si deve fare nonostante le mafie!!! La scelta se fare o meno qualcosa deve essere dettata dall'opportunità e dall'utilità dell'opera, il contesto mafioso deve essere visto come un ostacolo da superare. Se non si accetta questo semplice concetto, le mafie hanno vinto, gli abbiamo concesso di controllare la nostra vita! Questo non è un concetto di Destra, di Sinistra o di sbieco........  Anche compagni di Carmelo Panno, come Peppino Impastato credo che la pensassero così, allo stesso modo di gente magari più vicina alle mie idee come Paolo Borsellino. Questi hanno avuto il coraggio di operare a prescindere dalla mafia. Sono Eroi e sono morti come tali. Non credo che per piantare un paio di pale eoliche servano questo genere di eroi......  Il riferimento alla Mafia in questo caso appare quindi piuttosto fuori luogo. Passiamo oltre....

I bolscevichi dicono no all'eolico in base all'Ignavia del consiglio comunale del 22/04/2007.  Dante mise questo genere di persone nell'anti-inferno a ragion veduta.  Sono coloro i quali non prendono decisioni, ne in un senso e ne in un altro. Quella non decisione fu presa proprio dagli ignavi amministratori Montegiordanesi che, per non infastidire il soviet locale, preferirono non prendere alcuna decisione sull'argomento.  E qui ci ricolleghiamo alla legge obiettivo.... se nel 2007 i nostri amministratori non avessero peccato tanto da meritare l'anti-inferno dantesco, probabilmente avremmo superato il problema della legge obiettivo, così come hanno fatto i nostri vicini che invece beneficeranno delle royalties di cui si parla nella mozione sovietica. Approvando oggi una mozione di segno opposto a questa forse si poteva accedere ad alcuni canali per quelle amministrazioni che facilitano l'insediamento di questo genere di impianti. Ormai si può solo ragionare per probabilità.... a causa del peccato di ignavia di chi ci ha amministrato.

I bolscevichi dicono no all'eolico perché la regione Calabria esporta il 30% dell'energia che produce......  A parte che questo dato è tristissimo perché certifica che in Calabria non emigrano solo giovani in cerca di fortuna ma emigra anche l'energia, vorrei ricordare che questo dato è raggiunto con l'apporto fondamentale di centrali, come quella di Rossano, che saranno probabilmente riconvertite a Carbone e che già oggi bruciano olio combustibile. Strana razza di ecologisti quelli che non cercano di sostituire il carbone con il vento. Se un giorno la Calabria che sognamo sarà forte e dinamica come mi auguro io che da qui non mi schiodo, spero che quel dato del 30% venga riconfermato al contrario... Spero cioè che la mia regione sarà costretta a importare un 30% di energia prodotta magari grazie al vento, all'acqua e al sole. Il Carbone lo mettiamo nelle calze dei sovietici passatisti. 

Mi sono dilungato troppo....... in funzione all'ultima parte della mozione comunista, aspetto con ansia che mi dicano quale sarebbe questo modello di sviluppo per Montegiordano incopatibile con un centrale eolica. Su questo non posso argomentare per assoluta e manifesta ignoranza. 

Quando mi renderanno partecipe di questo modello e quando lo paleseranno anche nei confronti degli altri Montegiordanesi, avremo modo di discuterne. 

Buona Discussione.




29 commenti :

nicola corbino ha detto...

il camerata pentito d'amore deve spiegare ai bolscevichi mangia bambini quattro cose, e poi se è onesto le spiega anche ai cittadini di montegiordano:
1 l'elenco dei comuni vicini e non che prenderanno royalties e costruiranno parchi eolici, così qualcuno rischia di andare pure a finire in galera
2 se è un problema o no che, non la mafia, elemento mai citato dai bolscevichi nella propria mozione,ma i dirigenti e i politici calabresi siano indagati per le concessioni dei parchi eolici
3 se ha notizie sul fatto che il parco eolico di montegiordano potrebbe avere qualche effetto positivo sulla riconversione a carbone della centrale elettrica di rossano, conversione che vogliono solo i politici che fanno riferimento alla sua parte politica
4 quali sono i benefici che il comune ricava dalla costruzione di un parco eolico.

Francesco D'Amore ha detto...

Ho già spiegato tutto li dentro, o almeno ho riportato il mio punto di vista.

1. Su chi finisce in galera..... qui mi devi spiegare tu chi credi di spaventare. Cmq...fra qualche giorno racconterò una storia.

2. Sui dirigenti che hanno sbagliato.... quelli si sarebbe opportuno che finissero in galera.... ma questo non deve spaventare nel perseguire qualcosa che si ritiene giusto. In puglia hanno puntato tanto sull'eolico e non credo che Vendola sia un dannato fascista. E a quanto mi risulta non è finito in galera. MI piacerebbe che in calabria fosse lo stesso.

3) Il concetto che ho esposto è molto più ampio. Probabilmente non mi sono espresso bene, o forse tu non hai letto con attenzione. Ti invito a rileggere.... io farò lo stesso.
La mia parte politica è FLI. nonostante non mi risulti un pronunciamento a riguardo, sarei disposto anche ad andare contro se qualche dirigente FLI si dichiarasse a favore del carbone a Rossano. Non ho mai avuto problemi a sostenere tesi differenti.

4) L'Energia è un problema che non si esaurisce nello spazio che va dal lungomare alla quercia in Paese..... è un tantinello più ampio. E comunque nei prossimi giorni racconterò una storia.

Ti ringrazio Nicola per aver contribuito.

Buona Discussione.

Francesco D'Amore ha detto...

Quando mi chiami Camerata Pentito, metti le virgole..... Altrimenti, associato al mio cognome, sembra una reclame di una telenovela sud americana.

:-)

Grazie ancora per il tuo intervento, e spero che vorrai continuare a contribuire.

Buona Discussione.

enzo arcuri ha detto...

Penso che sarebbe stata cosa buona e giusta analizzare meglio la questione eolico, affidandosi anche a dei tecnici del settore per capirci un pò meglio .
Mettendo un attimo da parte l'eolico la questione più problematica che andrebbe discussa è quella della maggioranza!!!!!!!!!!!! Montegiordano è fermo in tutti i settori, due anni e mezzo per portare avanti una politica aggrappata a vari compromessi e ad una gestione che si avvicina a quella ordinaria.
Penso che mMntegiordano merita molto di più, e mi rivolgo alle forze più fresche, saremo anche noi colpevoli del futuro di Montegiordano, BISOGNA RIBBELLARSI!!!!!!!!!!!!!

Jetpac ha detto...

Francesco, capisco e condivido le tue perplessità su questa delibera (io una centrale eolica la costruire sempre e comunque) ma.. mi chiedo cosa c'entri la rivoluzione di Ottobre con questo discorso. Ti invito a ritornare al linguaggio pacato e competente che di solito trovo su questo blog. Sarebbe un peccato il contrario.

Anonimo ha detto...

Per fortuna.
Montegiordano,paese Povero ma ancora Bello.Mantiene i suoi meravigliosi tramonti "na cers" e le sue meravigliose albe "nu mar".
E' la nostra vera e unica ricchezza,tutta da valorizzare, ma resta l'unica.Vogliamo svenderla per 4 danari?
Io sono di Destra, mi sento Lucano piu che Calabrese,come molti di noi(anche se non si ha il coraggio di dirlo).Ringrazio questa volta i Bolscevichi Comunisti per aver salvato Montegiordano da un altro scempio,quello di vendersi per 4 danari la proppria anima,la propria unicita' la propria bellezza.
Ci resta solo questo,dovremmo proteggerlo e valorizzarlo tutti.

GRAZIE DI CUORE"COMPAGNI".

Anonimo ha detto...

il fotovoltaico credo che sia meglio dell'eolico , anche come patto ambientale,,,,,

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti.
Sono un ingegnere energetico, ed abito non lontano da Montegiordano.
Mi è stato proposto, qualche giorno fa, di analizzare il caso. A mio parere, la scelta che è stata presa (dal punto di vista esclusivamente ambientale ed energetica, e non politica) è la migliore.
Sia chiaro, non lo dico per sostenere una certa idea politica (ci tengo anzi a precisare che ho idee ben diverse rispetto a chi ha votato contro).
Lo dico negli interesse di Montegiordano stesso.
Non lo si dice quasi mai, ma l'impatto ambientale di una centrale eolica è non indifferente (non solo per la presenza delle pale, di certo non piccole, ma anche a causa del rumore che esse emettono), e non mi sembra opportuno, visto il luogo in cui questa centrale dovrebbe essere costruita, rovinare un paese simile (immacolato dal punto di vista ambientale e potenzialmente prezioso dal punto di vista turistico).
Se posso permettermi di dare un consiglio, valuterei, piuttosto, la possibilità di costruire impianti fotovoltaici non in una centrale discreta, bensì sui tetti delle case esistenti: l'impatto ambientale sarebbe minimo, ed il rendimento non sarebbe indifferente (qui in Calabria il sole non manca).
Certo, bisognerebbe sostenere una certa spesa, che però potrebbe essere ammortizzata in pochi anni, limitando l'acquisto di energia, o vendendo quella prodotta in eccesso.

nicola corbino ha detto...

caro francesco non ci sarà nessun comune nè limitrofo nè lontano che prenderà royalties dai parchi eolici, perchè è semplicemente vietato dalla legge, quindi finirebbe in galera chi potrebbe prenderli sotto altre forme sebbene collettive. non era una minaccia. sembra una minaccia più la storia che annunci di voler raccontare tu.
il fatto che i dirigenti che sono indagati siano gli stessi che devono dare le autorizzazioni per i futuri parchi eolici dovrebbe farci essere cauti. la questione del capitale sociale irrisorio non è da sottovalutare perchè siccome i parchi eolici si fanno con i soldi pubblici, darli a qualche azienda che poi non risponderebbe ad eventuali fallimenti così come è successo in tutta la calabria mi sembra abbastanza immorale. siccome io ho partecipato a diverse manifestazioni e diversi dibattiti sulla centrale di rossano so che la tua parte politica è a favore del carbone. e siccome sono sicuro come te che la questione dell'energia non si esaurisce su un parco eolico a montegiordano, ti invito ad un confronto sul piano energetico regionale,dicendo però fin da subito che la tecnologia sulle fonti energetiche alternative è molto più avanti rispetto a pale eoliche di 80 metri da installere in un territorio che dai risultati anemometrici risulta essere al limite. queste tecnologie che da decenni le lobby energetiche propinano al sud davvero si usano oramai soltanto nelle lande dei paesi dell'ex Unione Sovietica.
comunque ti invito a leggere dal sito del parlamento italiano le ultime tre relazioni della commissione parlamentare antimafia, perchè leggendole sono sicuro che non sottovaluterai l'aspetto delle infiltrazioni mafiose. in ultimo sarei stato molto curioso di confrontare le tue posizioni e quelle di impastato e borsellino sulla costruzione dell'areoporto di punta raisi. infine ammiro la sincerità di vincenzo, c'è una maggioranza che non piace e la minoranza leggittimamente ha cercato qualche sponda per farla cadere e sono convinto che se questa maggioranza fosse stata a favore di questo parco eolico con rifondazione che votava contro anche la minoranza, ripeto leggittimamente, avrebbe votato contro. un bolscevico.

Francesco D'Amore ha detto...

Ad Enzo(Jetpag) Mi permetto di mettere il tuo nome perché so che non ti infastidisce..

..... Enzo dai... non ho offeso nessuno, in un altro contesto l'avresti presa con una risata. So di non essere bravo con la penna ma alcuni potrebbero addirittura definire la cosa come satira.

Facciamo così...la prossima volta prendo in giro i fascisti con il torcicollo, forza nuova e nostalgici vari, che condivido ancora meno di Nicola e compagni così ritorniamo pari.

A presto collè....

Francesco D'Amore ha detto...

Andiamo per ordine.... invito il ragazzo che si sente lucano a farsi un giro in una delle due strade che vanno a potenza (scusatemi ma le confondo sempre...non ricordo se basentana o sinnica). Sulle colline li ci sono degli impianti che non mi sembrano così devastanti.

Grazie per il tuo contributo

Francesco D'Amore ha detto...

A Nicola.... perdonami non è mia abitudine minacciare.... la storia che ti volevo raccontare era solo quella descritta da Rocco Introcaso in sede consigliare dove si parlava di un comune pugliese e di come questo ha gestito l'affare eolico. Raccontando storie come quella probabilmente non ci sarà più la necessità di scendere troppo nei dettagli.

Ho usato quella forma "ti racconto una storia" come puro espediente narrativo.

Riservandomi quindi di raccontarti questa storia , vorrei tranquillizzarti sulle sponde. Io gioco a biliardo e quelle sono le uniche sponde che domino. A volte mi riesce anche male.
Non siamo capaci di tutto questo machiavellismo. Forse per questo non abbiamo mai vinto una elezione Montegiordanese.

Dobbiamo evidentemente imparare da professionisti.

P.S.
Stavolta le infiltrazioni mafiose l'hai nominate tu..... mi tranquillizzi, mi era davvero venuto il dubbio che Panno non si riferiva a quelle nel documento portato in consiglio.

Francesco D'Amore ha detto...

Vorrei ringraziare innanzitutto l'ingegnere per il suo contributo alla discussione.

Sono pienamente d'accordo quando si parla dell'impatto di una centrale Eolica... Occorre però fare delle scelte. Non si può avere la botta piena e la moglie allegramente ubriaca.
Certo non è auspicabile che le pale siano in luoghi di un certo tipo ma qui si parla del monte rotondella... Sul luogo dove costruire questo tipo di centrale la politica dovrebbe agire con determinazione.

Il mondo che sogno è ad emissioni zero. La sfida davvero importante in questo senso è far lavorare le industrie ad emissioni zero, e per fare questo non basta mettere celle fotovoltaiche sui tetti. La siderurgia, ad esempio, non può aspettare che sorga il sole. Il consumo per civile abitazione è solo un aspetto del problema, e per i tetti pieni di celle mi trovi pienamente d'accordo.
Il rendimento ad oggi delle celle però non è tale da consentire uno scenario dove il fotovoltaico possa giocare un ruolo importante dal punto di vista industriale. Può però coprire, ripeto, il fabbisogno abitativo. Impianti industriali fotovoltaici penso siano ad un impatto ancora più devastante di pale eoliche. Tu avrai sicuramente visitato impianti del genere e sinceramente una collina coperta di silicio non è un bel vedere. Qui sarebbe troppo difficile argomentare efficacemente sulla cosa, ma credo che se vogliamo completamene eliminare la componente fossile, come io auspico, dobbiamo fare dalle scelte che possono anche essere impopolari (e su questa cosa sono in minoranza anche sul mio blog). Io sogno un mondo dove anche le macchine smettano di bruciare petrolio. Abbiamo detto no al nucleare, rimane sole, acqua e vento. Però non possiamo mettere veti anche qui.

Certo ci sarebbero le teorie sulla decrescita..... ma prima di spingere il carretto con i buoi, preferirei trovare strade alternative.

Mi rendo conto ancora che il problema è di difficile approccio. Mi piacerebbe confrontarmi direttamente con te. Ti sarei grato se vorrai inviarmi una mail: francesco.damore@gmail.com

Grazie per il tuo contributo.

enzo arcuri ha detto...

Non vi nascondo che non mi ha sorpreso moltola scelta di Rifondazione è vero che sull'eolico c'è un bel pò di casini in Italia e in Calabria non ne parliamo proprio, la cosa che mi lascia un pò così che sugli degli argomenti così importante è stata presenta una misera relazione accompagnata da una misera spiegazione del consigliere Pannno in consiglio comunale.
Penso che per delle scelte così importanti la cittadinanza dovrebbe essere coinvolta, il nostro futuro del nostro paese a mio avviso,e mi riferisco a varie problematiche, lo si decide con delle prese di posizioni personale pensando alla convenienza personale, purtroppo mancano dei progetti che potrebbero dare una svolta decisiva al nostro paese.Quale potrebbe essere la medicina? Tutti coloro che superano i 50 dovrebbe essere obbligata a rimanere a casa.
Ciao a tutti!!!!!!!!

enzo arcuri ha detto...

Non vi nascondo che non mi ha sorpreso molto la scelta di Rifondazione, è vero che sull'eolico c'è un bel pò di casini in Italia e in Calabria non ne parliamo proprio, la cosa che mi lascia un pò così che quando si parla di argomenti così importante sarebbe stato importante presentare una relazione ricca accompagnata da una spiegazione che doveva essere fatta dal consigliere Pannno in consiglio comunale.
Penso che per delle scelte così importanti la cittadinanza dovrebbe essere coinvolta, il nostro futuro del nostro paese a mio avviso,e mi riferisco a varie problematiche, lo si decide con delle prese di posizioni personale pensando alla convenienza personale, purtroppo mancano dei progetti che potrebbero dare una svolta decisiva al nostro paese.Quale potrebbe essere la medicina? Tutti coloro che superano i 50 dovrebbero essere obbligati a rimanere a casa.
Ciao a tutti!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Complimenti agli amici bolscevichi, io ho votato VEF ma sulle energie alternative non ci siamo.
Se si vuole fare un impianto fotovoltaico come si deve, bisogna trovare chi vuole installare i pannelli sui tetti senza spese per i proprietari e senza il giro dei finanziamenti (come farà la germania in grecia).
Perchè alla fine tra chi vende pannelli e chi fa finanziamenti
l'unico che non ci guadagna è il proprietario che comunque alla fine del mese deve pagare la rata; dopo 20 anni quando l'impianto diventa di proprietà e quindi da quando il finanziamento finisce la produzione di energia si dimezza.
Quindi questo non è il modo per aiutare un piccolo paese composto in prevalenza da pensionati ( pensioni al minimo non pensionati baby).

Francesco D'Amore ha detto...

Mmmmmmm questa non l'ho capia. a parte che si sta parlando di eolico e non di fotovoltaico, ad inizio mandato si era proposto cento tetti sotto il sole. Naturalmente bocciato. potresti essere piú chiaro?

Anonimo ha detto...

per la cronaca hanno arrestato l'on,Morelli per associazione mafiosa..questi sono quelli che voi votate!!!
DANDI

Francesco D'Amore ha detto...

Cento tetti sotto il sole era un progetto presentato da Rocco Introcaso e soci.

Ho ritrovato il link di Marina Jonica dove si è parlato della cosa.

Clikka qui per rileggere l'articolo.


La cosa era molto simile a quella descritta dall'anonimo. Naturalmente ci hanno bocciato anche questa.

Buona Discussione.

Francesco D'Amore ha detto...

@Dandi.... E lo so... l'ho votato insieme a 75 altri Montegiordanesi (numero più numero meno).

Che faccio ora... vado anch'io in galera???

Spero che Morelli ne esca pulito... lo spero per chi crede o credeva che fosse una persona pulita.

Tu invece chi hai votato DANDI?

Anonimo ha detto...

Forse i comunisti hanno la puzza sotto il naso vedono spesso complotti imbrogli ,ma per questo difficilmente si fanno incantare da gente come MORELLI come e'capitato a FRANCESCO ed AL poliziotto

peppone (giuseppe s.) ha detto...

" questo parco eolico è incompatibile con il modello di sviluppo che codesta amministrazione comunale persegue ed è incompatibile con la vocazione turistica ed agricola dell'intero territorio ".
Con queste parole Panno chiude la motivazione del consiglio comunale.
A prescindere che i calabresi e la calabria in generale non possono oggi non fare un investimento per paura di infiltrazioni mafiose.
Se questa paura è intrinseca in questa amministrazione dovrebbe oggi andare a casa perchè inidonea a qualsiasi sviluppo economico del nostro paese.
Poi volevo soffermarmi sulla motivazione data, in parole povere la centrale non coincide con il piano di sviluppo di questa amministrazione.
Forse Carmelo Panno vive altrove, e spero che parli a nome proprio e non di tutta rifondazione, lui parla di sviluppo economico?
parla di agricoltura?
Che cosa vuol dire sviluppo turistico caro Carmelo? forse aspettare i lucani che per caso vengono ad affittare qualche casa ad agosto ( PER 15 GIORNI )?
questo è l'obbiettivo che l'amministrazione si è posta?
Spero di no. Ma la realtà dimostra che l'amministrazione montegiordanese su questo punto ha fallito, ( vogliamo parlare dell'immondizia o delle strutture lasciate all'abbandono dopo un presunto bando di gestione? )con queste credenziali di base è difficile proprio cominciare a parlare di progetto turistico. Agricoltura di cosa? escluso qualche sporadico esempio di buona imprenditorialità agricola, che cosa si intende per agricoltura?
l'orticello che quasi tutti i montegiordanesi hanno come svago, per riempire giornate sempre più vuote di vita sociale e scambi culturali.?
Carissimo Carmelo visto che io sono ottuso e mezzo rincoglionito, mi dici per favore qual'è il piano di sviluppo di questa amministrazione?
Poi per quando riguarda l'impatto ambientale ne possiamo parlare, ma prima dovreste anche dirci come mai a inizio mandato è stato bocciato il progetto della minoranza sul fotovoltaico.

Anonimo ha detto...

in riferimento ai tetti sotto il sole: dobbiamo diffidare da chi ci propone guadagni mirabolanti.
Se dobbiamo ricorrere ad una banca o ad un agenzia di leasing e non siamo in possesso di una partita IVA, che ci consenta di scaricare tutte le spese, forse è il caso di pensarci 10 volte. Una controparte seria comincerà col verificare quali siano le nostre necessità energetiche, ci sconsiglierà la vendita se non stiamo pianificando di acquistare un impianto di grosse dimensioni (troppo complicata per il semplice cittadino) a costo di salutarci e andarsene. dovrà considerare i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria (cambio dell’inverter a metà della vita utile dell’impianto) e dell’assicurazione. La garanzia sulle prestazioni dei pannelli deve essere di 25 anni e non 20, come alcuni propongono.

Francesco D'Amore ha detto...

Non si parlava di guadagni mirabolanti...si parlava di uno strumento per dotare alcune case montegiordanesi (forse si poteva evitare quelle del centro storico) di impianti fotovoltaici sui tetti.... addirittura credo, ma vado a memoria, che di guadagni non ce n'erano, ma solo risparmi sull'energia.... le bollette venivano quasi azzerate.

Rocco ha il progetto, posso riproporlo su marina jonica.

Il progetto presentato da VEF è sicuramente migliorabile. Il tuo ragionamento fila...
Se si vuole però cercare la perfezione non si arriva mai ad una soluzione accettabile, non si arriva mai ad una soluzione ottimale. Tutto è migliorabile, perfettibile.... ad un certo punto però occorre decidere, rischiando di sbagliare. La soluzione ottima non è quella perfetta..... ma è quella migliore.

L'errore più grosso secondo me è l'immobilismo. Non ha caso ho messo La Manna e l'intera amministrazione nell'anti-infermo Dantesco.... li ci stanno quelli che non hanno avuto il coraggio di decidere.



Buona Discussione.

Anonimo ha detto...

per peppone,i programmi di questa amministrazione sono uguali all'amministarzione di cui tu facevi parte,cioè zero!di te in comune non c'è traccia!
DON CAMILLO

Francesco D'Amore ha detto...

Ho dovuto rifiutare un commento su alcuni prezzi... l'autore sa a cosa mi riferisco...

L'ho dovuto rifiutare perché non so come verificare i dati. Mi serve sapere la fonte.... dove hai preso i dati che stanno nei preventivi che hai proposto. In alternativa puoi firmarti in modo tale che possiamo chiederti direttamente dove hai preso questi dati.

Perdonami, non è mia intenzione censurare nessuno. Ma quando ci sono dati puntali come quelli che hai proposto tu, devo verificare le fonti.

Buona Discussione.

peppone (giuseppe s.) ha detto...

don camillo firmati poi ti spiego la mia traccia, sicuramente tu fai parte della cricca, che con noi stava acqua in bocca e pippa. carissimo don camillo a volte basta non far mettere le mani ai pupari per aver lasciato una traccia bella grossa.

Rocco Introcaso ha detto...

La mozione presentata dal PRC,a mio avviso, è stata esclusivamente di natura politica. Un voto che ha decretato il naturale prosieguo di un'amministrazione le cui fratture interne sono sempre più numerose ed evidenti. Un voto di fiducia, un voto che è servito solo a prolungare l' ormai nota agonia del nostro Paese. Noi del gruppo Vita Energia Futuro abbiamo votato contro perchè siamo favorevoli alle energie alternative che, nel rispetto dell'ambiente, sono sicuramente una vera risorsa da considerare concretamente per il futuro del nostro paese. A dire il vero anche questa maggioranza, riascoltando i comizi elettorali e rileggendo il programma elettorale presentato ai cittadini montegiordanesi, si era mostrata favorevole all'eolico, ma purtroppo dal dire al fare c'è sempre di mezzo il mare... Questi però sono solo retroscena che penso ormai non incuriosiscano più nessuno. In conclusione se la mozione fosse stata bocciata con un voto contrario oggi, con buona probabilità,saremmo "tutti a casa" in attesa delle prossime votazioni. La verità è che questo voto non è servito a nulla se non a mettere alla prova una parte della maggioranza, poichè, molto probabilmente, noi saremo l'unico comune che avrà ugualmente l'eolico ma non percepirà nessun beneficio da esso.
Questa è la dimostrazione che si continua solo a giocare con la politica piuttosto che impegnarsi a lavorare su soluzioni alternative che possano dare le certezze indispensabili al futuro del nostro Paese. L'ennesima dimostrazione di un'amministrazione che, malgrado il difficile periodo economico e politico continua a sprecare ed a spendere con estrema facilità e non si preoccupa allo stesso modo delle costanti minori entrate.

Per quanto riguarda il fotovoltaico vorrei ribadire ancora una volta, che il progetto Cento tetti sotto il sole era un progetto indirizzato a favorire soprattutto le fasce di reddito più deboli con estreme difficoltà di accesso al credito per acquistare un impianto fotovoltaico. Per cui, senza alcun esborso economico, questa categoria di cittadini avrebbe potuto beneficiare del risparmio dell'energia elettrica affittando il proprio tetto e non pagando più la bolletta per almeno 20 anni.
Questo in breve era il progetto presentato in consiglio comunale.

Per ritornare all'eolico, in Italia ci sono esempi molto positivi di comuni che con i proventi derivanti dalla produzione di energia pulita hanno fatto e fanno tutt'ora tanto in termini di servizi, di opere pubbliche e di diminuzione delle tasse. Tanti altri con esperienze negative di comuni in cui sono presenti le pale eoliche ma purtroppo senza nessun compenso economico per i comuni.
Per concludere vorrei chiarire che purtroppo, a causa di mancate e coraggiose scelte politiche, ci ritroveremo a Montegiordano, probabilmente, con un parco eolico i cui benefici saranno solo ed esclusivamente della società installatrice.

nicola corbino ha detto...

caro rocco, non entro nel merito delle legittime considerazioni che fai sulla tenuta della maggioranza. anch'io sono a favore delle energie alternative e purtroppo so che grazie a piani energetici lungimiranti ci sono delle realtà in cui l'eolico ha portato dei vantaggi alle comunità che lo hanno utilizzato, ma noi non possiamo utilizzare il piano energetico della regione puglia, ma quello della calabria, molto ma molto diversi tra loro. la cosa che mi dispiace e che non dici anche sapendola che non ci sarà nessun parco eolico nè a rocca nè a roseto e che la legge impedisce ai comuni di ricevere royalties anche se le convenzioni sono state firmate precedentemente. siccome so che tu le leggi le studi e sei aggiornato queste cose potresti dirle anzichè fare strumentalizzazioni