mercoledì 3 aprile 2013

Vicini ai nostri fratelli... Comunicato Stampa dei Lavoratori della PCMA


















Gli operai della foto sopra sono nostri fratelli. 
Questa volta la protesta non è quella lontana passata nel talk show Nazionale. Questi sono nostri amici, fratelli, genitori, mogli e mariti che conosciamo di persona. 

Non per questo la loro lotta è più importante di quelle di altre parti d'Italia, ma sicuramente ci  fa pensare e riflettere sui tempi che stiamo vivendo. 
Quando un evento ci tocca da vicino ci è più facile entrare in empatia con chi ne è protagonista.

Ogni lettore di Marina Jonica sono certo che saprà riconoscere almeno uno dei volti ritratti nella foto. 

La crisi ci tocca da vicino. 

Di seguito un comunicato stampa inviato dagli operai della PCMA, che pubblico con l'augurio che la loro lotta possa dare i frutti sperati  e nel più breve tempo possibile. È già passato troppo tempo.

Buona Discussione.

Comunicato Stampa
I lavoratori della PCMA di Pisticci Scalo iscritti alla UGL Metalmeccanici sono riuniti in assemblea permanente presso la sede della UGL di Matera in via Roma ,72 per protestare contro la chiusura della loro azienda consumatasi in una camera di albergo sulle spalle di 81 lavoratori unico indotto FIAT (Magneti Marelli) nella provincia di Matera in totale silenzio. Oggi i lavoratori chiedono a voce alta il coinvolgimento delle istituzioni quali la Prefettura, già coinvolta dai soli lavoratori nel mese di gennaio alla presenza del Dott. D’Alessio. Più volte i lavoratori della UGL chiedevano a questa organizzazione di non sottoscrivere quell’accordo disastroso e di peggior favore a danno dei lavoratori che ad oggi risultano ancora in attesa di risposte sia dalla UGL che dalla PCMA(Magneti Marelli). Visto che il 22 aprile è prevista la verifica tra l’azienda e le parti sociali i lavoratori UGL si auspicano che questo incontro sia fatto alla presenza del Sig. Prefetto, in Prefettura , e non nella solita camera d’albergo dove è stata calpestata la nostra dignità di persone , di lavoratori e di cittadini della Repubblica Italiana. 

Matera ,03.04.2013

I lavoratori della UGL Metalmeccanici

3 commenti :

Cosimo Gatto ha detto...

Solidarietà da parte di un precario della scuola!! mi sento vicino alla vostra lotta ,spero con tutto il cuore che possiamo tutti trovare la serenità che deriva da un lavoro stabile e sicuro, proprio come l'art 4 della nostra Costituzione auspica: LA REPUBBLICA RICONOSCE A TUTTI I CITTADINI IL DIRITTO AL LAVORO E PROMUOVE LE CONDIZIONI CHE RENDONO EFFETTIVO QUESTO DIRITTO....

Anonimo ha detto...

Esprimo la mia solidarietà e la mia vicinanza ai lavoratori della ex Ergom che stanno vivendo uno degli episodi più brutti della vita di ognuno, la perdita del posto di lavoro. Grazie a questa azienda diverse famiglie montegiordanesi hanno avuto l'opportunita' di costruire il proprio futuro nella propria terra ed oggi purtroppo, in gran parte per cause legate ad una politica di soli profitti, si trovano nelle condizioni di dover prendere delle decisioni ancora più importanti e con più sacrifici. Spero vivamente che, sia nel caso dei lavoratori oggi a casa, che quelli costretti ad emigrare in luoghi più lontani, possano ritrovare la serenità che meritano ritornando a lavorare ed a vivere a Montegiordano.

Introcaso Rocco

Francesco ha detto...

E l'autore di questo blog è un precario della ricerca. Capisco le ragioni della vostra lotta.

In bocca al lupo.