lunedì 15 luglio 2013

Montegiordano: una chiesa emigrante..... La vecchia chiesetta va a New York.

Si sente parlare di quadri in prestito a musei più o meni importanti. 
A volte anche opere d'arte di una certa mole vengono spostate ma è la prima volta che sento parlare di una chiesa che viene rimossa dal luogo dove è stata costruita e ricollocata in un altro posto, addirittura in un altro continente.

A quanto pare è questo il destino della chiesetta vecchia della madonna del Carmine, sopra il pianoro dove sono cresciuto. Un luogo che mi è particolarmente caro visto che praticamente era il mio parco giochi personale e di tutti quelli che hanno avuto la fortuna di passare la propria infanzia a Farinella.

Ecco perché mi limito a riportare solo i fatti che in qualche modo conosco senza andare troppo sul personale perché sinceramente mi sentirò male quando, passando per la strada che porta a Montegiordano Paese e che passa per il Castello, girando lo sguardo non troverò più le mura di quella chiesetta che stava li da tanto tempo.
La chiesetta vecchia della Madonna del Carmine sta per essere smontata e ogni suo mattone catalogato uno per uno per poter esser ricostruita in un museo di New York, dall'altra parte del mondo.

Non credo si possa fare più di tanto per convincere chi di dovere a scelte diverse: la chiesa è di proprietà di un privato che probabilmente non ha in fondi necessari per la sua ristrutturazione (ricordo che la struttura è fortemente danneggiata, specialmente nella sua parte posteriore), ne immagino l'interesse a farlo. 
Non credo si possa far intervenire un ente preposto alla conservazione dei beni culturali perché, oggettivamente, il valore di quella chiesetta credo sia solo simbolico per ogni Montegiordanese che come me l'ha vista sempre su quella collinetta. 
Non credo quindi si possa impedire alla proprietà di agire diversamente, perché a quanto ne so non c'è nessun vincolo sulla struttura ne c'è stato mai l'interesse degli enti territoriali a promuovere un atto in tal senso.

Una struttura però che, sebbene carente di un suo valore intrinseco, rimane custode di un immenso valore emotivo.

Pensare che a Montegiordano anche le chiese iniziano ad emigrare sinceramente fa male. 

Buona Discussione.


23 commenti :

Anonimo ha detto...

Ora posso esprimere tutto il mio disappunto e la mia delusione che avevo già espresso in alcuni precedenti commenti, del quale si è voluto aspettare a pubblicare.

Sono amareggiato ed ho una profonda ferita al cuore, domani sarà la madonna del carmine, pensate che proprio costruendo quella chiesa dedicata alla madonna di cui festeggeremo il culto domani, è iniziata una delle manifestazioni e tradizioni più sentite del paese, se non la più sentita, o quanto meno la più suggestiva!

Con questa chiesetta se ne vanno anni di storia, se pur umile nel nostro piccolo paesino, una storia che mai abbiamo saputo valorizzare, ma che comunque deve e fa sentire nel suo piccolo orgoglioso di avere piccoli frammenti dei nostri antenati nel nostro paese, anche se conosciuti solo da noi hanno un valore talmente grande che Montegiordano non poteva farsi scappare!

Quella chiesa è stata costruita da i nostri antenati, contadini anche loro che con il proprio sudore hanno messo mattone su mattone per dar vita a quella che sarà la nostra festa più antica sorta proprio nel punto in cui nacque, il primo vero nucleo Montegiordanese!

Non posso dire che la famiglia a cui appartiene non aveva il diritto di venderla, ma penso che finchè si tratti di vendere un pezzo di terra, finche si tratti di vendere ma farla rimanere li dov'è è un conto, ma penso che il diritto a strappare la storia da una paese e farla scomparire a migliaia di chilometri in lontananza si doveva quantomeno interpellare i veri proprietari della storia di quella chiesa, i Montegiordanesi!



Con una ferita al cuore e una lacrima agli occhi,
E.Pace!

Francesco D'Amore ha detto...

Egidio mandami una mail e un numero di telefono in privato che ti parlo della cosa di persona:

francesco.damore@gmail.com

ciao.


Anonimo ha detto...

vendere il patrimonio di montegiordano ...

Anonimo ha detto...

Montegiordano è imbarazzante, non se ne finisce mai di vedere una, giá non abbiamo niente rispetto ai paesi che abbiamo affianco e quel poco che abbiamo o è abbandonato o se lo stanno portando via, ma non ci vergognamo neanche un pó?

Anonimo ha detto...

Ciao Francesco, dispiacerá a tutti non vederla piu anche se il suo stato era pietoso. Ma una cosa non capisco. Il propietario abita a New York? Perche portarla li? Quanto costa smontarla e rimontarla li? Cmq credo che se qui aveva un certo valore non tanto storico-culturale ma affettivo, li saranno davvero 4 pietre messe insieme. Viva Montegiordano e la Madonna del Carmine che si festeggia oggi.

Anonimo ha detto...

At ca vita energia futuro o cicco Lamann, a qua s'ema i azzoppà a mar cu tutt'i pann!

Anonimo ha detto...

Concordo con la linea, la colpa è di chi l'ha venduta quanto dei Montegiordanesi, perchè non si è mai proposta una raccolta fondi negli anni per mettere apposto i "monumenti" in degrado?
Mi meraviglio anche della Pro Loco, con una raccolta fondi anche in 5 anni si sarebbe arrivati ad un bel gruzzoletto da reinvestire quantomeno se non nel ristrutturare, almeno nella messa in sicurezza, un'altra cosa sarebbe stata quella di chiedere i finanziamenti per ristrutturazioni e quant'altro, alla comunità europea d'accordo con i proprietari, così si che ci sarebbe stato il vincolo e non avrebbero potuto fare questa oscenità!

Andate a dire a quelli di Amendolara se sarebbero d'accordo se un'americano venisse a scmontare la torre SPACCATA e se la portasse in america, e sottolineo spaccata molto di più della nostra chiesetta, sarebbe stato tutto così semplice?

Francesco D'Amore ha detto...

:-)

La Proloco "nuova gestione" non ce li ha 5 anni....

Ti posso comunque assicurare, esperienza personale, che con una raccolta fondi a Montegiordano a stento organizzi una festicciola estiva.

A parte questo... concordo anch'io. A Montegiordano ci svegliamo solo a cose fatte. C'è una poesia antica che credo ci raffiguri nel migliore dei modi....

Anonimo ha detto...

Qui non si tratta di nuova o vecchia gestione o di anni che possono essere 5 come 10, qui si tratta di attivarsi, e a Montegiordano non si parte neanche.
E spero che Alfano per una volta parli di qualcosa di veramente importante su Montegiordano!

Francesco D'Amore ha detto...

guarda... sfondi una porta aperta...

Io ti posso anche dire che secondo me gli anni di inattività sono 30.

Ti porto la mia personale esperienza visto che hai fatto una domanda ben precisa. Prima di quattro anni fa della Proloco c'erano solo in parte alcuni stralci dello statuto e alcune parti dei bilanci passati. Ora lo statuto e alcuni bilanci puoi scaricarli su internet (www.montegiordanoproloco.org), dove c'è anche una web cam della Marina. Puoi leggere inoltre semp5e sullo stesso sito gli eventi fatti con pochissimi denari e le attività portate avanti...

Sicuramente poca roba.... si può fare molto di più ma almeno in questo senso ci si è mossi.... poi a criticare ci siamo sempre, e i Montegiordanesi sono maestri nella critica da bar...

mi dispiace dover giudicare in modo generico ma non conoscendoti non so qual'è il tuo ruolo e se ti sei interessato o meno alla cosa pubblica negli ultimi anni.

Sulla raccolta fondi, si.... si poteva fare. Hai ragione.
Ma date le cifre in ballo non credo che una raccolta fondi limitata a Montegiordano sarebbe stata di una certa utilità....

A Montegiordano ne abbiamo fatte di queste cose proprio con la pro loco (vedasi calendari) e ti posso assicurare che non c'è niente da stare allegri. Dovevamo spiegare continuamente che non intascavamo nemmeno una lira per noi ma che ogni quattrino veniva messo in una cassa comune. C'è stato un signore che mi ha anche accusato di essere un ladro (naturalmente non quando potevo sentirlo..... l'avrei preso a calci nel sedere).

Su Alfano..... la critica al giornalista è di moda, ma Alessandro si sa difendere da solo.

Se credi che una raccolta fondi possa essere importante, possiamo anche partire da subito per tutelare quelle poche cosette rimaste sul territorio.... ma sono certo che la somma che si raccoglierebbe sarebbe davvero ridicola e l'iniziativa resterebbe solo simbolica.

Certo, anche i simboli sono importanti..... quindi, se hai davvero questa lodevole intenzione, ti invito a partire anche da subito.



Anonimo ha detto...

Che tristezza passare di la illudersi di un miglioramento e invece accorgersi che è solo un'amara tristezza!

Addio chiesetta!

Anonimo ha detto...

Giusto così, tanto che ce ne frega a Montegiordano ne abbiamo tante di cose da far vedere, una in più o una in meno che ci cambia?
mha!

Anonimo ha detto...

Noi siamo unici a promuovere il nostro territorio, che ce ne facciamo di cose vecchie, sono i bellisimi edifici nuovi e vuoti che promuovono il turismo, perchè di case vuote già ce ne sono ma non bastano!

Complimenti ecco perchè montegiordano è quella che si sta espandendo di più turisticamente, Buona stagione estiva!

Anonimo ha detto...

Ma quanto è triste che si siano accorti in America della bellezza di Montegiordano e non noi??

Anonimo ha detto...

Ps: ma secondo voi se scavando per portarla via trovano qualcosa, lo diranno a qualcuno?

Anonimo ha detto...

Bella domanda a cui però puoi risponderti da solo, qulla zona compresa tutta la sua storia se ne va in blocco!
Addio a qualsiasi cosa che la circondi, sempre se c'è qualcosa, pensate che manco sapremo mai niente, così come è accaduto per ogni ritrovamento!
Mannaggia a me ma i miei parenti non potevano nascere qualche chilometro più in là da quale parte non ha importanza, tanto ogni paese affianco a noi ha qualcosa di cui vantasi solo noi siamo i più poveracci!!

Anonimo ha detto...

Ma il commento e il pensiero delle istituzioni Montegiordanesi, sia che siano minoranza o maggioranza qual'è stato?(al di là di responsabilità o meno inquanto bene privato) Un bel chi se ne frega?

Anonimo ha detto...

Sarebbe interessante sentire il parere di Rocco Introcaso (visto che Ciccio La Manna non credo legga questo blog), in merito alla bella figura che abbiamo fatto nei confronti dei paesi a noi vicini che invece fanno dei loro beni storici il centro del loro turismo!

Francesco D'Amore ha detto...

A me interesserebbe sentire entrambi.....


Non è che si vive solo su questo blog, anzi..... e non credo che la notizia non sia arrivata anche in comune.... e vi posso assicurare poi che quando si vuole si legge anche Marina Jonica. L'altra volta in consiglio si è parlato di questo blog per una buona mezzora, non ricordo a che riferimento.



A me interesserebbe sentire entrambi, a maggior ragione la massima autorità territoriale che, fino a prova contraria o fino a elezione contraria, resta ancora Francesco La Manna con e sua maggioranza.


A me interessa sentire entrambi. Mi farò portavoce con Rocco.....

Buona Discussione.

Anonimo ha detto...

Certo anche a me interessa infatti li ho citati entrambi, solo che so che Rocco è molto attivo su questo blog, mentre il Sindaco no, (almeno per i commenti) e siccome l'unica alternativa per sapere una loro opinione oltre a questo blog, o è un'intervista o è andarglielo a chiedere di persona, per questo mi pare che questo blog sia una spece di "Social Network Montegiordanese" dove chi scrive scrive in maniera quasi istituzionale perchè sa che si sta riferendo a molte persone contemporaneamente.

Lo so che non si vive solo di questo blog, ma non avendo altri mezzi a livello comunale, questo resta quasi lo strumento più potente ed efficace per rivolgersi a quante più persone possibili, sarebbe bello infatti se durante le elezioni i capi gruppo rilasciassero una specie di intervista doppia stile Iene, da pubblicare su questo blog, sarebbe una cosa carina, innovativa e soprattutto chiarirebbe a tutti i piani dei due contendenti!

Anzi te la lancio come proposta!

GIUSEPPE SALERNO ha detto...

che tristezza. mi metto nei panni di chi come me per motivi lavorativi sono fuori e tornano, e si trovano dei pezzi di vita mancanti, e si ricordo come se fosse ieri quando andavamo a fare u pascon, correvamo la mattina presto a prendere posto sotto a garrubb, se era occupata si andava dietro alla chiesetta, ricordi.
L' amarezza è tanta, proprio ieri leggevo la storia del nostro paese, una storia importante, ormai la chiesetta è stata " rubata " alla storia montegiordanese vediamo di non perdere altri pezzi come la fattoria lucana,il cementificio altro monumento storico di cui nessuno ne parla, forse sarebbe il caso di cominciare a parlarne e di vedere di ristrutturarlo insieme alle funivie che portavano il materiale dalle cavi fin giu,del castello e sul castello la storia è abbastanza suggestiva che se verificata potrebbe veramente essere un importantissimo sito archeologico, infatti si narra che il castello attualmente visibile a noi sia stato costrutio su resti di un precedente castello e di un monastero.
quindi l'indigniazione è forte, ma forse è arrivato il momento di mettere in moto qualche serio dibattito per cercare di valorizzare queste opere. purtroppo è un nostro difetto mio per primo dimenticare, la ristrutturazione della chiesa che fine ha fatto? è partita? e se non è partita andiamo a vedere di chi è la colpa.

Betta Farina ha detto...

Ciao Francesco, e ciao a tutti,
da un'amica ho appreso della discussione tra Francesco e Giambattista ed, incuriosita, ho letto la loro corrispondenza. Da indefessa appassionata di arte contemporanea e per l'amore sconsiderato che nutro per l'arte tutta, mi spingo ad aggiungere il mio pensiero ai vostri, raccontandovi le mie esperienze.
Ho avuto il piacere di visitare il MoMa di NY nel maggio del 2011, qualche mese prima della tragedia delle Twin Towers e, nonostante il museo fosse in ristrutturazione, dalle sue maura trapelava la grande forza che ancora oggi lo consacra a tempio dell'arte contemporanea: l'essere contenitore del pensiero artistico ed umano del suo stesso tempo. Ricordo mi sentii piccola piccola.
Oggi, apprendendo che un pezzo della nostra storia alloggerà lì, ammetto mi riempie di orgoglio e riduce quella sensazione di piccolezza che provai allora! L'affascinante vecchia chiesetta della Madonna del Carmine al MoMa! Fino a ieri le facevano compagnia la nostra splendida macchia, le viscere del canale e qualche ramingo suo fan (tra cui io...) e tra un pò sbarcherà al MoMa...Incredibile, mai avrei potuto immaginare una cosa più sorprendente! Che dire, per me è una splendida notizia! Pochi artisti hanno l'onore di accedervi, tra questi un pugno di italiani e tra un pò...la vecchia chiesetta. Meraviglia!
Mi muovo spesso per andare in cerca di arte, soprattutto contemporanea; di recente ho visto una retrospettiva su Maurizio Cattelan (indiscusso maestro della provocazione)a Palazzo Reale a Milano. Conosco poco Vezzoli, ma di cuore, mi auguro e auguro a tutti di poterne ammirare l'arte andando a vedere con i propri occhi la nostra chiesetta esposta in una sua opera New York o dovunque essa approdi.
Saluti a tutti
Betta Farina

Anonimo ha detto...

ma perchè se siete cosi affezionati era lasciata in totale abbandono e destinata a crollare del tutto ? Perchè se si porta via un bene del posto e si toglie qualcosa che va valorizzata a montegiordano non esiste nemmeno una misera segnaletica che ne indichi la locazione e ne porti a conoscenza ? Nemmeno un foglietto scritto a mano...