mercoledì 28 luglio 2010

PASSAN PE LU STRETTGH I DONN’ANNIN


Poesie............ oggi vi presento un altro poeta Montegiordanese, un poeta dialettale che vive e lavora a Cosenza ma che è nato e cresciuto a Montegiordano.

Scrive da tempo poesie nel vernacolo inconfodibile di Montegiordano paese, caratterizzato dai suoi suoni gutturali che lo differenziano dalle parlate dei paesi limitrofi. Per leggere le poesie di Mundo provate a far uscire il suono direttamente dalla gola ogni volta che trovate una "GH" finale di parola.

Ecco la prima poesia di questo poeta dialettale che forse ci accompagnerà per molto tempo su Marina Jonica.

PASSAN PE LU STRETTGH I DONN’ANNIN

PASSAN PE LU STRETTGH I DONN’ANNIN
CHE COSA BELLA OH! CHE COSA FIN.
SARA’ QUILLU VINDCIL FRISCH NFACC
SARA’ FORS QUILLA STRISC I MAR .
MA JÌ OGN VOT CA CI PASS ME RECRJI , ME SCEGH.
FRA  QUIL I CASE VICCH , PORT ANTICH E MRCET,
TUTT  E’ RUMAST U STESS , PAR CU TIMP SE C’E’ FRMET.
MA SE TU CE GUARDS BUN , GUARDS NAND, GUARDS ‘NFUNN
QUILLU STRETTG TRASCURET TE PARD CHIU GRAN ,
TE PARED NU MUN....
ADDUV I PENSIR E LI CAZ ‘NCAP SE PORTD U VINT E TE SINTS N’ET.

Peppe Mundo

3 commenti :

Anonimo ha detto...

si diciasmo che anche il dialetto di montegiordano nel corso degli anni ha subito un cambiamento ci saono tante vocali che non hanno il suono gutturale del vecchio dialetto ,, potrei riscriverlo x far notare la diversità,, ma non astetta has me fare questo ....... ciao cmq a sempre piacere rleggere qualcosa della nostra terra ,,,,, francè qualke foto di veccHia data,tu che ci tieni se riesci trovarla ci faRERBBE MOLTO PIACERE GRZ,,,,,,

Francesco ha detto...

Se ti fai un giro nei post vecchi, trovi alcune foto del lungomare e una della piazza tarsia in paese (u chian i currad...).

Ciao....

CARMELA ha detto...

QUANTE VOLTE DA BAMBINA PER ANDARE DA MIA ZIA ELVIRA PASSAVO CORRENDO PER LU STRITTGH. GRAZIE FRANCESCO PER FARMI RIVIVERE QUEI MOMENTI FELICI