mercoledì 29 giugno 2011

Autovelox. Fine del saccheggio legalizzato.

La faccenda degli autovelox è maledettamente seria se si pensa che senza questi aggeggi il bilancio comunale Montegiordanese andrebbe del tutto rivisto. Qui si parla di Montegiordano perché siamo su un blog che parla di questo paesello, ma il ragionamento è esportabile in quasi tutti i piccoli centri dello stivale che insistono su una strada a scorrimento veloce. La riflessione fatta dal giornalista nell'articolo che vi allego, va letta anche in relazione a quanto scritto nel manifesto esposto qualche settimana fa dal gruppo di opposizione in consiglio comunale e che potete rileggere qui. Se il comune non incassa i soldi che provengono da autovelox e diavolerie simili, il bilancio dell'ente andrebbe del tutto riformulato e quello che ne verrebbe fuori non consentirebbe ad amministrazione e cittadini di dormire sonni tranquilli. 

D'altronde, fare cassa con gli autovelox e quanto di più meschino si possa pensare, una sorta di tassa occulta: lo stesso Sindaco La Manna si è più volte dichiarato infastidito dagli agguati che i comuni fanno agli automobilisti di passaggio e dobbiamo registrare che, rispetto agli altri comuni, probabilmente Montegiordano usa con più moderazione la malefica macchinetta mangia soldi. Le multe poi sono socialmente ingiuste...colpiscono più l'operaio che il padrone. Cento euro in meno per chi ne guadagna mille si fanno sentire maggiormemte rispetto a a chi ne incassa diecimila.

Occorre domandarsi quindi come sostituire i mancati introiti provenienti dagli autovelox con entrate eticamente giustificabili. Se la sentenza che Alfano riporta nel suo articolo dovesse diventare prassi comune fra gli automobilisti, e se a questo aggiungiamo anche la fisiologica diminuzione degli introiti da saccheggio a causa o grazie alle gallerie appena aperte, per Montegiordano si prospetta l'esigenza di rivedere i suoi conti economici.

Secondo me ci sono alcune cose da poter fare per reagire al mancato guadagno risultante dal mancato saccheggio: 

  • Rivedere le spese del comune in tutti i settori: parco macchine, differenziata, approvvigionando energetico, comunicazione, contenzioso.... risparmiare su tutto il risparmiatile deve essere un MUST!
  • Riorganizzare la tassazione nelle procedure di emissione dei ruoli.
  • Partecipare a tutti i progetti possibili....... specialmente a livello europeo...... i soldi non devono più tornare indietro. Questo fatto che ci lasciamo sfuggire finanziamenti europei è un abominio da eliminare immediatamente.
  • Utilizzare, quando possibile, sistemi di finanziamento alternativo per realizzare progetti diversi. Ad esempio il Project Financing potrebbe aiutare molte piccole realtà locali come la nostra. Basta chiedere a Rocca e Canna.... loro lo sanno.....
  • Realizzare tante piccole opere che è possibile fare a costo zero ma che creano piccola dinamicità economica sul territorio......   (se po fà.....se po fà......   voi non ci crederete ma se po fà....)


Viviamo in tempi nei quali non si può più aspettare che un trasferimento da Roma risolva i problemi dei territori periferici. Se ci pensiamo questo atteggiamento ci ha rovinato in passato come meridionali, e oggi non è più pensabile rifare gli stessi errori. Saremmo diabolici. Non voglio più che il meridionale passi per il solito terrone piangione, lamentoso e mendicante. 

Se vogliamo sopravvivere dobbiamo trovare metodi diversi. 

Buona Discussione.

8 commenti :

Anonimo ha detto...

Questo è uno dei fatti che più mi fa incazzare, scusate il termine, non solo di montegiordano ma dell'italia, io non capisco perchè questa regola che si deve avvertire l'automobilista della presenza dell'autovelox, è una presa per il culo che lo stato fa a se stessa, se c'è un cartello che dice che devi andare a 50 all'ora perchè se c'è l'autovelox lo rispetti e se non c'è non lo rispetti, questo è essere Italiani, cercare di fregare dove si può fregare senza un minimo di etica morale sul rispetto delle regole, fosse per me metterei autovelox da per tutto così vedi come si riducono gli incidenti e si incentiva il rispetto delle regole.

L'unica cosa se mai che mi sento di proporre è di riorganizzare i segnali di adeguarli strada per strada alle velocità massime raggiungibili.

Ma i divieti vanno rispettati senza che ci sia qualcuno che ci dice che se non li rispettiamo ci fanno la multa!!!!

elvira ha detto...

la carica di Francesco è quella giusta, è l'energia comune a tanti altri cittadini di Montegiordano, che ne immaginano un ruolo diverso nel complesso scenario dell'oggi rivolto al domani.Molti di noi non pensano che nella vita si può contribuire, sul serio, alla crescita di davvero poche cose:specie a livello lavorativo sono molti i compromessi e gli adeguamenti delle nostre volontà a quelli imposti dall'esterno! Beh, escludendo la famiglia, resta la propria terra, quella che non ci farà mai sentire adottati, perchè per natura le apparteniamo. E' da qui che si parte. Francesco dice bene che 'se pò fa', BASTA VOLERLO, o semplicemente AGGREGARSI, UNIRSI a chi mette a disposizione degli altri non solo i progetti, ma anche la loro possibile riuscita. Con questo invito mi congratulo con i giovani e i meno giovani vicini a un siffatto orientamento. E complimenti a Francesco!
Elvira

peppone (giuseppe s.) ha detto...

Non capisco come mai solo da noi ancora non ci sono le postazioni fisse, sono accese 24h, ha ragione l'anonimo penso che le multe fatte con l'attuale segnaletica sono tutte nulle, anche perchè il codice della strada determina per ogni categoria la velocità massima, mi sa che i cartelli di preavviso sono utilizzati per la sicurezza, e cmq espimono appieno il senso dell'autovelox, cioè la prevenzione, dove ci sono le postazioni fisse la strada è piena di cartelli di avviso dell'autovelox. Penso che questa sarebbe una bella proposta da parte della minoranza mettere le postazioni fisse. Bisognerebbe informarsi sulla 106 nuova chi spetta la competenza, sicuramente non possono andarci i vigili o chi per loro ma le postazioni fisse bisognerrebbe informarsi. ciao

Anonimo ha detto...

Bravo l'anonimo delle 15:46, è una cosa assurda che se c'è un cartello che dice limite 50 e magari io sto andando a 100 e mi fanno la multa perchè sono nascosti, posso contestarla e vinco pure, vi rendete conto???

non ci doverebbero essere proprio i segnali di controllo elettronico della velocità dovrebbe bastare già solo il cartello!!!

Cmq apparte questo sono d'accordo con te Fra per quanto riguarda i fondi europei penso che le iniziative europee vadano sfruttate il piu possibile, ci sono paesi che ci campano e che si sono sviluppati grazie a quei fondi...

porca vacca ma perchè non ti candidi o non entri nel gruppo di VEF?????

Francesco D'Amore ha detto...

ma vedi che nel gruppo di VEF ci sono già....

e tutti posson partecipare....facciamo riunioni quasi ogni settimana.

se voelte partecipare scrivetemi qui:

francesco.damore@gmail.com

Anonimo ha detto...

quante belle parole..........,
scoprire che si può essere altruisti....,
meglio tardi che mai.....

Anonimo ha detto...

Qui l'altruismo non c'entra niente!!
Qui c'entra solo il buonsenso!!

Anonimo ha detto...

qui c'entra il fatto che vi firmate come anonimi ma siete sempre gli stessi a parlare