sabato 4 maggio 2013

Peppone scrive al Sindaco.

Ricevo e pubblico una lettera di Giuseppe Salerno. Colgo l'occasione per inviatare altri lettori a fare come Giuseppe, proponendomi contributi che non mancherò di pubblicare.

Buona Discussione. 

di Giuseppe Salerno

Al sindaco di Montegiordano Carissimo sindaco Francesco La Manna, prima di iniziare la mia richiesta volevo dirti che la stima per te come persona è illimitata, ma a volte, come in questo caso si deve scindere la stima personale che rimane immutata, dal comportamento politico che in questo caso specifico è stato almeno fino a oggi deficitario, sia da parte tua sia da parte di tutti coloro che fanno parte della maggioranza. 
 Spero di essere smentito al più presto, e leggere a breve di una presa di posizione netta e decisa, che non lasci spazio a dubbi e perplessità nella popolazione di Montegiordano, che oggi forse più che mai ha bisogno di sentire appieno la voce di chi li amministra. Aver letto sul giornale della proposta fatta dal consigliere regionale di minoranza del PD, propenso al finanziamento del porto turistico a Trebisacce, mi ha lasciato interdetto, anche perché la stessa proposta venne fatta qualche tempo fa nel cinema di Trebisacce da altri politici , ma come è risaputo il progetto rimase un sogno, adesso ho i miei dubbi che lo stesso potrà mai vedere la luce, visto e considerato anche il periodo di crisi che pervade il Paese e penso la Regione Calabria non porta ad investimenti così cospicui. Come tu ben ricorderai quando il Sindaco era Migneco , tu e Vuodi assessori e io semplice consigliere siamo stati tacciati di incompetenti dalle stesse persone che oggi ripropongono lo stesso progetto in un paese limitrofo . 
 La cosa buffa che se non erro la proposta è stata fatta da quegli esponenti politici che hanno affiancato te e la tua maggioranza nelle ultime due campagne elettorali. Penso che forse la proposta ha messo te e l’attuale assessore Vuodi in imbarazzo, imbarazzo comprensibile ma non giustificato. Volevo aggiungere che in questo contesto mi stupisce anche il silenzio di Rifondazione, anche se ci troviamo come ripeto solo davanti ad una semplice proposta, una presa di posizione sarebbe legittima e auspicabile da parte di tutti i componenti dell’attuale maggioranza. Nell’articolo si parla di territorio, di progetti per renderlo migliore e sempre più funzionale alla comunità tutta, comunità intesa come Alto Ionio cosentino, questo è un discorso legittimo, è meno legittimo politicamente sponsorizzare da parte di una politica ormai in declino sempre gli stessi territori calabresi, forse perché più appetibili politicamente ai fini elettorali in quanto più grandi e con un maggior numero di elettori. Prendendo per buona la proposta…… e che la stessa venga finanziata , non capisco come mai , nel progetto territoriale non si sia mai menzionata la strada di collegamento Montegiordano Marina / Paese, una strada ormai obsoleta e anche pericolosa , infatti, puntualmente d’inverno ne frana un pezzo, rendendo la viabilità impervia anche per uno sviluppo socio-economico che Montegiordano merita. Allora è auspicabile, siccome si parla di circondario incorporare nella proposta la strada sopra citata. 
E’ inutile parlare e sponsorizzare la nascita di attività commerciali, se poi la politica e chi rappresenta il territorio guarda altrove, ignorando le priorità del nostro paese. Carissimo sindaco, fermo restando il fatto che ci troviamo di fronte ad una proposta, non posso, non notare come tutti i lettori penso abbiano fatto, che il territorio di Montegiordano con eventuali investimenti è stato del tutto dimenticato. Se vogliamo parlare di sviluppo di territorio inteso nel senso più ampio della parola, allora avete un obbligo (anche solo in un ipotesi di progettazione e finanziamento di strutture turistiche ) morale-politico di entrare su quel tavolo e proporre Montegiordano come unico paese del comprensorio dell’alto ionio, predisposto sia geograficamente sia morfologicamente predisposto a ospitare la struttura del porto-turistico, oppure di un porto canale utilizzando uno dei due torrenti che attraversano il nostro territorio, con la seconda ipotesi se limiterebbe moltissimo l’immissione di cemento in mare. 
Comunque sia, tra un po’ di tempo, chiunque sia avvocato, dottore o altri dovrà rispondere di questo silenzio e dare le giuste spiegazioni ai montegiordanesi, questo silenzio, e nessuno si può trincerare dietro l’alibi di non essere presente o a conoscenza, perché non è così e lo sappiamo tutti. Carissimo sindaco sono sicuro che prenderai una posizione netta e battagliera, come sono sicuro, faranno tutti i membri di maggioranza e opposizione, per raggiungere un risultato politico-sociale-economico nel bene comune di Montegiordano dei montegiordanesi e di tutto il comprensorio. Auguro a tutti voi un buon lavoro. 
Un saluto a tutti i cittadini montegiordanesi.

Bologna 22/4/2013.
Giuseppe Salerno

3 commenti :

Anonimo ha detto...

"Peppe, se me lo consenti c'è un limite in questa tua lettera : confondi la politica con la demagogia. La proposta infatti a cui tu fai riferimento non può essere assunta a un proposta politica, bensì ad una semplice e pura manifestazione di sciocco protagonismo.
In merito invece alle domande che tu rivolgi al sindaco credo che le risposte ti siano già state date dal maestro Lateana che in un suo manifesto pubblico ha denunciato 40 anni di chiacchere a cui io personalmente mi permetto di aggiungere ..... e di distintivo.

Nicola Melfi

Anonimo ha detto...

Caro peppone bravo, visto che tu sai + cose di tanta gente. Ma come facciamo ad andare avanti se ci sono sempre le stesse persone sulle stesse poltrone. Non si cambiano nemmeno le poltrone per paura di stare scomodi. Io, da 40 anni, non ho visto nessun cambiamento a montegiordano, solo cambi di incarichi. Allora se non si portano idee nuove perchè ciò che faccio io è meglio di ciò che pensano gli altri, non siamo cresciuti e non cresceremo mai.

GIUSEPPE SALERNO ha detto...

caro anonimo è semplice mandarle a casa. alla fine siamo noi a votare, anche io cis ono stato è vero per questo ti dico che in quei 5 anni era come stare in guerra, invece di ricevere attacchi dall'opposizione gli attacchi arrivavano da pseudo sostenitori della maggioranza.
adesso penso che per questa maggioranza sia arrivata la fine, perchè qualcuno così yha deciso, in barba al rinnovamento fra un anno ritroveremo qualche riciclato, facendo passare il tutto per rinnovamento. io aspetto ma penso di non sbagliare, li conosco bene certe persone. cmq una cosa possiamo cominciarla a fare tutti, non dico di firmasi per steso ma almeno le iniziali così forse chi ha motivazioni al cambiamento ha anche puntii di riferimento a cui rivolgersi.