domenica 27 luglio 2008

L'Astuto Silenzio



Quando l'Alba rispecchierà
i suoi bagliori sulle acque instancabili
io avrò già percorso parte della mia scalata.
Dall'alto riuscirò a vedere il paese dei dispersi
sommerso dall'impassibile specchio.
E lentamente uscirò di scena,
senza che l'eco dei miei passi
stronchi il sonno gelido degli altri.
Eviterò che il sole delinei la mia ombra.
Mi rifugerò nei meandri tenebrosi
e spettrali della terra.
Seguirò il silenzio
con occhi sgranati
senza poggiar le mani alle pareti,
sentirò il terreno
dondolare sotto i miei piedi,
avrò il timore di fare il passo successivo.
Mi farò inventore di duelli:
sfiderò la forza delle rocce
con la mia fragilità,
ma sarò io a bere le loro lacrime;
mi batterò contro la gloria dei misteri,
ma sarò io ad aver maggior virtù.
Eviterò gli sguardi
spregevoli delle creature
con semplice indifferenza
E se uno sbarramento ignobile
trancerà il mio cammino,
non cadrò strisciante ai suoi piedi
ma attenterò che il giorno muoia
per mostrarmi nuovamente
alle timidi danzatrici del cielo
e tornare a rincorrere
l'astuto silenzio.

1.12.1998
ROBERTO FARINA, L'Astuto Silenzio



8 commenti :

Anonimo ha detto...

...brividi...

Anonimo ha detto...

CONCORDO...penso che ogni altra parola sia superflua! E' da ieri che la rileggo..ma non mi basta..

Ma come mai hai scelto di pubblicare proprio questa poesia???

PS= è normale ke il post mi sia apparso 2giorni dopo la publicazione??

Ciao..

Anonimo ha detto...

......................................................................................................................................................................................................................................................

Francesco ha detto...

E' la più "forte" dal punto di vista emotivo.

Anonimo ha detto...

Ciao Robi...
°°°Alessandra Pallina°°°

Anonimo ha detto...

PARADOSSALE

Anonimo ha detto...

delirio di onnipotenza

Anonimo ha detto...

..brivido sulla schiena.

nella sua fragilità c'era la forza di progettare la morte..alro che fragile..mostrusamente forte!
spero che gli angeli siano vicino a lui!