lunedì 16 luglio 2012

Montegiordano: Un nuovo Lido. La Playa del Sol.

Un augurio entusiasta alla Playa del Sol, un nuovo stabilimento balneare pensato e realizzato dalla Famiglia La Volpe proprio all'inizio del Lungomare Foretano. Il posto è molto carino, ricorda l' Energy come estensione della struttura. Fatto completamente in legno, il lido è incastonato nei pini in modo tale da confondersi senza dare troppo nell'occhio. 


Sono davvero entusiasta della nuova apertura, così come accolgo con favore il chiosco che sta nascendo più a sud ad opera della famiglia Pistocchi. Le nuove aperture sono state  influenzate positivamente da una nuova regole, studiata dall'amministrazione, per l'assegnazione dei siti dove costruire. 
In precedenza ogni interessato poteva chiedere l'assegnazione di uno stesso sito anche più volte e anche se non riusciva a realizzare nei tempi pianificati. Chi ne aveva i requisiti poteva quindi vedersi riconosciuto un sito anche se non in grado di realizzare un impianto balneare, con grave danno nello sfruttamento di una risorsa primaria come la spiaggia che dovrebbe, al contrario, essere volano di quel minimo di economia basata sul turismo. Oggi la regola è cambiata: l'assegnatario che non riesce a costruire nei tempi predisposti alla realizzazione non può partecipare al successivo bando, o comunque perde punteggio rispetto al bando precedente. Una regola che punta ad concedere concessioni a chi realmente ha la possibilità di realizzare. 


Una volta tanto devo complimentarmi con l'amministrazione La Manna. 



Poi.... Se prendiamo in considerazione l'annoso e ormai noioso, oltre che nauseante, problema della gestione dei rifiuti nei mesi estivi e dello stato deprimente della spiaggia che dovrebbe presentarsi al meglio a fine maggio ma che risulta in stato disastroso anche a Luglio, l'atteggiamento di un osservatore attento non può che tornare ad essere critico. 
Lungi però da me il catastrofismo e ben venga la speranza che la nascita di posti come questi da al Montegiordanese che vorrebbe vedere il suo paesello sbocciare nei mesi estivi come un bel fiore.

I più critici danno fiato ai tromboni affermando che queste nuove aperture potrebbero peggiorare l'economia dei local esistenti perchè, secondo loro, più concorrenza finirebbe per limare i guadagni già miseri di chi già da tempo cerca di sopravvivere. Mi permetto di dissentire perchè un po di sana concorrenza non ha mai danneggiato nessuno ma generalmente in questo modo si innescano processi virtuosi che finiscono per migliorare il servizio. Inoltre non si tratta di dividere in più parti una torta già misera, ma di cucinare una torta più grande. Se l'offerta turistica in termini di servizi migliora in quantità e qualità, il numero di turisti che sceglierà Montegiordano come meta delle sue vacanze estive inevitabilmente crescerà: la torta da spartire sarà più grande.
Certo, al fine di cucinare al meglio questa bella torta potrebbe essere d'aiuto un lungomare pulito, illuminato, ed una spiaggia ordinata e regolare. Ma forse stiamo chiedendo troppo.


Non mi resta che augurare ancora un immenso augurio ai gestori del Lido. Sono sicuro che sarà un successo. È già un successo.

Buona Discussione.



11 commenti :

francesco gentile ha detto...

caro francesco,
mi unisco a te nel fare un grossissimo in bocca al lupo ad enzo ed alla sua famiglia per l'iniziativa e l'investimento realizzati.
su come io la pensi su concorrenza e libero mercato lo testimonia una mia lettera all'allora sindaco migneco, con la quale chiedevo proprio quanto ora prevedono le nuove regole di cui parli tu... rispetto alla perdurante inerzia degli assegnatari (solo nicola arcuri aveva reso definitivo il progetto) sollecitavo una riapertura del bando per rimettere in gioco le zone assegnate ma non adibite allo scopo e che avrebbe dato spazio a quanti effettivamente credevano nelle iniziative da realizzare...ero assolutamente convinto che strutture di quel tipo a montegiordano potevano servire (esisteva il solo lido garden che dava quel servizio)...ora a distanza di qualche anno, sulla scorta del trend che il nostro paese registra in termini di presenze turistiche oltre che delle esigenze che gli stessi manifestano, consentimi di non essere troppo entusiasta.
partendo dal dato inconfutabile della durata del periodo estivo montegiordanese, (clima permettendo) i fine settimana di luglio oltre al mese di agosto, ritengo, più che concentrarsi sulla qualità dei servizi offerti (non mi paiono così scandalosi), forse prioritario soffermarsi su un'offerta incompleta viste le innumerevoli lacune che invece presentiamo...
per vari motivi torno a montegiordano, oltre al sabato sera, anche il mercoledì, e credimi lo spettacolo è davvero desolante... non sembra di essere a luglio ma in una calda sera di maggio con i pochissimi affezionati che ci degnano della loro presenza...
non si tratta assolutamente di non voler dividere la torta con altri....la torta va preparata...
io non so se chi deve programmare interventi in una determinata direzione e che producano risultati in termini di obiettivi raggiunti, si possa ritenere soddisfatto nel completare l'assegnazione degli ultimi siti di un piano di spiaggia.... probabilmente interventi mirati ad incentivare la creazione di qualche posto letto in più , che accolga il turista anche solo per un fine settimana, magari nel nostro centro storico, forse potrebbe significare :
tenere conto delle mutate condizioni finanziarie delle famiglie italiane ( un mese di ferie non molti possono permetterselo)
prezzi competitivi (benedetta concorrenza) rispetto alle case che ,almeno a luglio, rimangono quasi tutte sfitte e quindi qualche presenza in più, chiaramente da portare in marina con un servizio navetta quotidiano, a cui offrire qualche ombrellone e, perchè no, qualche buon gelato in più.
fatta questa mia riflessione concludo sperando tanto di essere smentito dai fatti perchè l'unica cosa che mi preme è rivedere montegiordano meta di turisti e visitatori.
saluti
francesco gentile

Francesco D'Amore ha detto...

Grazie Francesco per il tuo intervento.

Certo non è facile dirsi entusiasti, no. Non è facile per niente.

Capisco il tuo scetticismo. Le lacune di cui parli andrebbero colmate agendo con attenzione e ascoltando gli operatori del settore che certo sanno meglio di altri, sicuramente meglio di me, cosa serve per migliorare il settore turismo, così importante per il nostro paesello.

Grazie e buon lavoro.

GIUSEPPE SALERNO ha detto...

prima di tutto un grosso in bocca allupo al nuovo stabilimento balneare.
montegiordano non lo vogliono far sviluppare lo dobbiamo dire, ci sono quelle tre o quattro famiglie che non volgiono far crescere il paese è inutile girarci intorno ma mai nessuno lo dice.
penso che ora montegiordano abbia bisogno di tre o quattro strutture imporatanti altrimenti non si va da nessuna parte.
a parte la spiaggia pulita la raccolta dell'immondizia ( sono servizi che devono esserci a prescindere).
1)montegiordano ha bisogno di una strada di collegamento montegiordano centro-marina.
2)trovare un imprenditore disposto ad investire da noi con il riciclo della palastica e della carta, creando almeno una 50 di posti di lavoro.
3)un porto canale, visto che la darsena non si può fare insistere sulla pericolosità del canale al centro del paese bonificarlo fino ai piloni della strada e farci il porto canale.
4)incentivare l'agricoltura e la nascita di coperative agricole e di allevamento.
sembra difficile forse,ma per me questa è la strada.
E POI SCUSA LA PAROLA FRANCESCO ( del blog )MANDARE AF.....O LA GENTE CHE REMA CONTRO IL PAESE SOLO PER I PROPRI INTERESSI LI CONOSCIAMO TUTTI, INCOMINCIAMO A MANDARLI A QUEL PAESE.
ciao buona discussione e in bocca allupo di nuovo ad enzo.

Anonimo ha detto...

Commento di un turista pugliese, con dei bicchieri sporchi in mano, venuto qui credo solo per il week-end: " Benvenuti nel paese senza cestini. Questi non sono normali!".
Il lungomare foretano non ha UN SOLO cestino per i rifiuti! E che cavolo...mettiamocene almeno un paio!! Poi non ci dobbiamo lamentare se il paese è sporco, ce le cerchiamo le cose!

Anonimo ha detto...

"INUTILE BUSSARE QUI' NON VI APRIRA' NESSUNO".......DICEVA UNA FAMOSA CANZONE! MONTEGIORDANO NON CAMBIERA' MAI..COSE DA FARE:
1-SPIAGGIA PULITA E SPIANATA GIA' DAL 1° MAGGIO..
2-DIVIETO DI ALLESTIRE CANTIERI IN VIA LUNGOMARE DA MAGGIO A SETTEMBRE.
3-ABBELLIMENTO AIUOLE E MARCIAPIEDE VIA LUNGOMARE E C.DA FORETANO
4-ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIU' DECENTE(NON QUELLE LUCI CIMITERIALI)
5-APERTURA ATTIVITA' DAL 1°MAGGIO
6-CENSIMENTO CASE AFFITTO
INSOMMA CI VUOLE TANTA BUONA VOLONTA'...
ZIO MAURO INSEGNA

Anonimo ha detto...

oltre ai cestini, al lungomare illuminato e pulito, alle spiaggie pulite e ben sistemate, vorrei porre l'attenzione su "l'ancora" posta sul lungomare che per i 9 mesi invernali è stata ininterrottamente in funzione, mentre in questi 2 mesi, e così sarà anche per agosto, è ancora chiusa!!! per non parlare delle doccie, che si è potuto aspettare metà luglio per potersi fare una doccia in spiaggia!!!

Anonimo ha detto...

fare la doccia sulla spiaggia non è un "diritto acquisito" da chi va a mare ma un servizio offerto alla cittadinanza..e tanti altri piccoli Comuni non offrono questo servizio.

Anonimo ha detto...

nnnnnnnnnnnnnnn

Anonimo ha detto...

A mio avviso, invece, dovreste solo vergognarvi della maschera che portate e lo dice una ex cittadina, fiera di essere "ex".

Anonimo ha detto...

Vergognatevi amministrazione che a luglio tiene la spiaggia come una pattumiera. Ho assistito l'altro giorno ad una cosa davvero ignobile...

Francesco D'Amore ha detto...

Mi dispiace davvero tanto dover censurare commenti anonimi che esprimono denunce e messagiche condivido in pieno. Sulla spiaggia.... se scorrete marina jonica, potete leggere cosa penso e come mi piacerebbe vedere il mio paesello nei mesi estivi.

Sfortunatamente, alcuni commenti anonimi, sotto tale forma sortiscono l'effetto contrario e dalla ragione, piena e inconfutabile, si passa facilemente dalla parte del torto.

Mi scuso con alcuni lettori se sono costretto a censurare contributi anonimi che personalmente condivido.

Buona Discussione.